“Volta la carta”, prima mostra mercato dell’editoria indipendente a L’Aquila.

Se è vero che la ripresa dai danni di una tragedia passa, prima che dalla spartizione degli appalti, anche e soprattutto dalla ricomposizione degli ambiti culturali e sociali del territorio, l’iniziativa che prende il via oggi nel capoluogo abruzzese è da accogliere come un comodo passaggio per rimboccare la strada giusta da tutti gli aquilani e da chi a L’Aquila ha vissuto, studiato e proprio lì ha gettato le basi dei propri percorsi professionali. Con “Volta la carta”, la prima mostra mercato dell’editoria indipendente nata da un’idea della casa editrice Arkhé e promossa e organizzata in collaborazione con il Salone del libro di Torino, la Scuola Holden e l’appoggio della Fondazione Fabrizio De André – che ha concesso l’utilizzo del titolo della canzone del ’78 – la città torna infatti a ricoprire per cinque giorni il ruolo di prestigio che le compete storicamente nell’ambito della produzione culturale e del commercio nelle arti.
La manifestazione, che si concluderà domenica con la premiazione del concorso letterario legato proprio al tema della carta, si svolge all’interno di uno spazio espositivo di 300 mq ricavato dai locali della vecchia cartiera del Vetoio, in cui troveranno ospitalità stand di case editrici indipendenti, dibattiti, presentazioni e presenze di rilievo nel panorama culturale italiano (Andrea Camilleri, Dacia Maraini e Margherita Hack, solo per citare alcuni degli ospiti). Il tutto all’interno di un programma ricco di appuntamenti e diviso, giorno per giorno, in diverse aree tematiche: dal libro antico alle migrazioni dei popoli, dalla legalità al ruolo femminile nella letteratura.
In più, a ricordare quanto già è stato fatto in città dai volontari e dalle associazioni culturali, la presenza del Bibliobus cittadino, l’autobus/biblioteca che sin dai primi mesi del post terremoto ha distribuito più di 30.000 libri nelle tendopoli aquilane.
Per il programma completo della manifestazione visita il sito della manifestazione. (Gianluca Salustri)

Annunci